CONSIGLI COMUNALI E PARTECIPAZIONE DEI CITTADINI ALLE SCELTE POLITICO/AMMINISTRATIVE

DICHIARAZIONE STAMPA del SINDACO GIACOMO TRANCHIDA

15 SETTEMBRE 2012

 

Ritengo opportuno chiarire la posizione dell'A.C. e al riguardo politicamente e in coerenza indirizzare l'impegno dei Consiglieri di maggioranza, in primo luogo di quelli eletti nelle liste civiche che portavano il mio nome, nonché gli attuali Assessori e da me nominati.


Tanto in relazione alla formalizzazione della proposta di modifica regolamentare, avanzata da alcuni Consiglieri comunali, circa la logistica territoriale delle sedute del Consiglio comunale, nonche', in relazione agli orari di seduta, quanto alle distorte notizie stampa al riguardo fornite.

Cio' posto intendo rendere noto che l'argomento e' oggetto del programma di governo sottoposto agli ericini elettori e dagli stessi e a stragrande maggioranza approvato con la mia riconferma elettorale.
Ne consegue che le sedute di Consiglio comunale che riguardano problematiche di particolare interesse per le specifiche comunita' ericine territoriali, non possono non tenersi se del caso anche nelle frazioni di Erice, onde assicurare la piu' ampia e condivisa partecipazione democratica dei cittadini.

In ordine a tanto la recente proposta avanzata dai Consiglieri comunali trova la mia piena condivisione in coerenza politico/programmatica, fermo restando che non viene intaccata la permanenza della sede istituzionale propria del Consiglio comunale nel capoluogo.
Pertanto ogni procedura in tale direzione posta in essere, anche al fine di snellire modalita' di convocazione, ecc. viene salutata con favore e sostegno, al pari della diversa regolamentazione oraria (dalla mattina al tardo pomeriggio o sera) proprio per favorire la partecipazione dei cittadini.

Diversamente chi, se del caso intende "nascondersi", come nel triste passato consiliare, vuoi per incapacita' politica/amministrativa o per comodo permesso lavorativo dentro le stanze isolate del centro storico e in orari mattutini che scoraggiano la presenza dei cittadini, non può che trovare la contrarietà del sottoscritto e dei Consiglieri comunali di riferimento.


E' venuto il tempo di cambiare pagina e scrivere una storia diversa per Erice insieme ai Cittadini ericini. Chi non comprende cio' e si atteggia a "casta" non può non essere bandito in primo luogo dalla mia azione politico/amministrativa, sia esso Consigliere o Consigliere Assessore.

                                                                                  Giacomo Tranchida - Sindaco di Erice

 

 

 

 

 

Utilizziamo i cookies per migliorare l'esperienza d'uso del nostro sito web. Continuando la navigazione accetti la nostra informativa sui cookies. Per saperne di piu'

Ok

Utilizziamo i cookies per migliorare l'esperienza d'uso del nostro sito web. Continuando la navigazione accetti la nostra informativa sui cookies.