Approvato il regolamento comunale per il servizio di assistenza specialistica scolastica per l’autonomia e la comunicazione

E’ stato approvato all’unanimità dal Consiglio Comunale di Erice il nuovo regolamento che disciplinerà il funzionamento e l’organizzazione del servizio di assistenza scolastica specialistica per l’autonomia e la comunicazione, previsto dall’ art. 13 comma 3 della Legge n. 104/1992 per gli alunni con disabilità frequentanti le scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado statali del Comune di Erice, proposto dalla Giunta nei mesi scorsi.

Come si ricorderà, dallo scorso 1 gennaio, a seguito della cessazione del servizio da parte del Libero Consorzio comunale di Trapani, l’amministrazione comunale, come buona parte degli altri comuni, aveva garantito in via transitoria l’erogazione del servizio per gli studenti delle scuole ericine fino alla fine dell’anno scolastico corrente, rilevando in contratto vigente del Libero Consorzio con l’operatore economico aggiudicatario del servizio.

Con l’approvazione dell’odierno atto regolamentare, a cui dovrà fare seguito lo stanziamento delle somme necessarie in seno al prossimo bilancio di previsione, dal prossimo anno scolastico il servizio verrà garantito in via definitiva mediante Enti Accreditati da individuarsi mediante la procedura dell’accreditamento (art. 11, l. 328/2000) di Enti, Cooperative Sociali ed Associazioni, in possesso dei requisiti ex lege previa creazione di apposito Albo comunale.

Oggi è stata scritta una bella pagina di civiltà nella storia del nostro Comune - ha dichiarato il vice sindaco Daniela Toscano che era presente alla seduta consiliare - e di questo voglio ringraziare tutti i consiglieri presenti in aula che hanno votato all’unanimità l’atto deliberativo proposto dall’amministrazione anche oltre ogni logica di schieramento politico. Siamo orgogliosi di avere portato in aula in pochissimo tempo un regolamento che ci consentirà nel futuro di garantire un importante servizio con elevati standard qualitativi. Voglio auspicare - ha concluso Daniela Toscano - che anche le altre amministrazioni comunali procedano in tal senso per garantire un servizio che ha come obiettivo primario il raggiungimento di una piena integrazione nel contesto scolastico e garantire il diritto allo studio dell’alunno disabile, così come stabilito dall’art. 34 della Costituzione.

Utilizziamo i cookies per migliorare l'esperienza d'uso del nostro sito web. Continuando la navigazione accetti la nostra informativa sui cookies. Per saperne di piu'

Ok

Utilizziamo i cookies per migliorare l'esperienza d'uso del nostro sito web. Continuando la navigazione accetti la nostra informativa sui cookies.