"Singolare" furto verificatosi ai danni del bancomat Euronet in Erice centro storico

Dichiarazione stampa del Sindaco Giacomo Tranchida

Pur nel doveroso rispetto per le indagini in corso, ritengo necessario intervenire in merito alla vicenda relativa al "singolare" furto verificatosi ai danni del bancomat Euronet di ieri mattina in Erice centro storico, oltre che per chiarire ingenue e superficiali ricostruzioni sulla mancata intesa del Comune con la ditta Euronet/bancomat arrivando alla "presunzione" d'intervento sostitutiva operata da qualche commerciante locale nel fornire servizi ai turisti, replicare a becere e scadenti strumentalizzazioni anche politiche nonché rassicurare la popolazione e gli operatori commerciali sulla costanza d'impegno e iniziativa profusa in tale direzione da questa AC e dalle Istituzioni tutte.

Preliminarmente va chiarito che UniCredit, in violazione contrattuale del servizio di tesoreria, nel recente passato inopinatamente ha chiuso lo sportello bancario di Erice centro storico. Per tanto, questa AC per il tramite del proprio legale Avv. Carlo Sammartano ha chiamato in danno il predetto istituto bancario e corrente insiste un procedimento sulla denunciata responsabilità presso il Tribunale di Trapani, che andrà a sentenza nel Gennaio 2017.

Nelle more del riappalto del servizio di tesoreria comunale, in fase corrente, sono stati già banditi due avvisi pubblici, andati deserti, ed imminente e' il terzo per l'affidamento negoziato del servizio di tesoreria comunale con il vincolo di mantenere nel centro storico - anche presso locali comunali già disponibili - uno sportello bancomat intelligente per tutte le operazioni finanziarie possibili a servizio di operatori e turisti.

INVERO, proprio lo scorso anno, a seguito di pressante richiesta da parte degli operatori commerciali della vetta, registrando insufficiente e limitato il servizio bancomat di Poste Italiane ivi allocato, abbiamo promosso un avviso pubblico alla ricerca di gestori privati di servizi finanziari Bancomat, registrando la disponibilita' della partecipante ditta Euronet 360 Finance Limited circa la pianificazione di due postazioni di servizio strategiche, da aggiungersi al bancomat postale: una in piazza della Loggia ed uno a Porta Trapani, ovviamente previa presentazione della documentazione di rito (progetto ETC come richiesto per legge e dalla Soprintendenza). In detta fase endoprocedimentale, a seguito di sopralluoghi etc, ad un certo punto il referente della ditta Euronet informa per le vie brevi di aver individuato presso un'operatore commerciale una soluzione "celere" rinviando , a suo dire, al prossimo anno (2016) la pianificazione autorizzata dal Comune con delibera di Giunta n' 163 del 15/7/2015.

Di ieri mattina la notizia del furto che registra una singolare e "fortunata" (per gli autori del reato) coincidenza: il giorno prima il bancomat Euronet era stato fornito d'ingente quantitativo di valuta. Ma v'è di più, a detta degli stessi inquirenti, desta non poche preoccupazioni la "faciloneria" gestionale dello stesso bancomat allocato presso il locale negozio di ceramiche: nessun allarme collegato con la Stazione Carabinieri, ne video sorveglianza del presidio, appena un telaio esterno della vetrina in mero alluminio ...siliconato ai lati. Insomma, poca precauzione, per non dire negligenza (?) per chi dovrebbe avere cura dei propri preziosi prodotti in "vendita" ..i soldi ..che commercializza.

Il valzer delle dichiarazioni, in TV ai social e ai media, che per alcuni versi assumono anche il sapore della beffa, oltre al danno comunque non archiviabile:

A) del commerciante sig Nello Savalli, a cui va tutta la comprensibile solidarietà, ma che ingenuamente rivendica di aver subito dei danni alla propria vetrina - che aveva affittato alla ditta Euronet gestore del su citato bancomat - ...arrivando paradossalmente ad affermare il non vero " CI SIAMO SOSTITUITI ..VISTO CHE IL COMUNE NON HA DATO QUESTA POSSIBILITÀ !!! (Ad Euronet ?!) ...in un SERVIZIO DA DARE AL TURISTA ...
-> orbene, IL COMUNE ANCORA ASPETTA CHE EURONET SVOLGA IL SERVIZIO AUTORIZZATO SU SUOLO PUBBLICO, MA NEI TERMINI DI LEGGE ...e, seppur comprendiamo che il rapporto privatistico viene privilegiato da Euronet anche in questa stagione ...allo stato dovrebbe far riflettere che diversamente dal locale negozio di ceramica convenzionato non si registra la disponibilità di altri operatori commerciali (e fra questi del Postale 17 a Porta Trapani; anche in questa zona strategica individuata con il citato atto deliberativo);

B) della Drssa Silvana Catalano, che rincarando la dose "contro tutti e tutto", a pancia, scadendo demagogicamente si spinge financo a dichiarare: ...CI SOSTITUIAMO ALLE ISTITUZIONI, AL COMUNE ..CHE NON È STATO CAPACE DI CHIUDERE UN ACCORDO CON UNA DITTA PRIVATA ...IL CITTADINO SI SOSTITUISCE ALLE ISTITUZIONI PER LA VIGILANZA ETC
-> orbene, anche per rispetto alla capacità intellettiva della stessa, forse farebbe bene a chiedersi come mai Euronet preferì chiudere un rapporto commerciale con un privato (il sig Nello Savalli) rispetto ad una concessione rilasciata da parte del Comune (soggetto pubblico) onerato in primis al rispetto delle leggi ed ordinamenti. Tale 2' opzione, rispondeva a tutte le norme e garanzie anche di sicurezza? O facilitava ..quali legittimi interessi?!
-> farebbe altresì bene, per rispetto al ruolo di pubblico amministratore in passato rivestito, evitare di scadere nell'irresponsabile e demagogico populismo in generico danno alle Istituzioni, che se da un lato porta al momento forse ad acquisire un po' di visibilità mediatica, di contro ad ingenerare nei fatti panico e sgomento nella pubblica opinione, che invero si vuole salvaguardare;

C) del sig Ugo TILOTTA, gestore di bar ... a Crocci (Valderice), che per completare ..financo denuncia GENERALE MENEFREGHISMO, al pari alimentando un senso di pericolosa e gratuita sfiducia da parte dell'opinione pubblica avverso le pubbliche Istituzioni

D) di locali Consiglieri comunali del PSI e Forza Italia che strumentalizzando gli accadimenti - senza neanche aspettare l'esito delle prime indagini - razzolano per fare becera propaganda politico-elettorale, arrivando a negare l'evidenza palmare sulle azioni ed attività straordinarie intraprese in materia di sicurezza anche per il centro storico dalla mia AC - nonostante le leggi non riconoscano al Comune di Erice e dunque al suo primo rappresentante, il Sindaco, particolari poteri in materia di sicurezza e non di certo di controllo e gestione delle Forze dell'Ordine ...ma che ad abbundanzia d'iniziativa e buon conto:
1) ha realizzato un sistema di Videosorveglianza funzionante in tutto il centro storico - delocalizzando anche in Questura la pronta remotizzazione - oltre a quello a raggi infrarossi nelle due strade di accesso ..che leggono le targhe anche in presenza di nebbia (telecamere attive e funzionanti, tant'è che proprio facendo leva sulla produzione delle registrazioni delle stesse da parte del nostro Comando di Polizia Municipale i Carabinieri stanno sviluppando le indagini anche per questo caso);
2) ha operato, nonostante l'esigua forza di Agenti Polizia Municipale per il distaccamento in Erice centro storico del Comando PM fino al 30/4 prorogato sine die... in azione collaborativa/alternanza di servizi con la Staz Carabinieri;
3) ha approntato la progettualità e logistica di competenza per scongiurare la possibile chiusura della Stazione Carabinieri del centro storico, richiedendone anzi il potenziamento, in tale direzione rassegnando formalmente la disponibilità di parte dei locali ex plesso scolastico di Via N. Nasi, alloggi per Comandante e Carabinieri in servizio compresi;
4) ha approntato un servizio di vigilanza ambientale notturno a mezzo di 3 Ass.ni Volontarie di Protezione Civile dal Novembre 2015 ad Aprile 2016 sostenendone a rimborso parte dei costi;
5) ha assicurato, anche per favorire e sostenere azioni volontaristiche locali, un supporto logistico presso un immobile comunale (via Apollinis) e poi anche un mezzo operativo a supporto dell'azione dei cittadini volontari Erice (ex ronde) che aderiscono oggi alla PA "Il Soccorso".

Un dato e' certo e desidero rassegnarlo con forza alla pubblica opinione anche a smentita di tanto ed in larga parte mal posto:
- il Prefetto mi risulta essere persona seria, che mantiene gli impegni assunti - ivi compreso il mantenimento e potenziamento della Stazione dei Carabinieri nel centro storico nonostante la spending rewue - e che di certo non gioca con la sicurezza sociale nel gridare al lupo al lupo, diversamente e senza apporre manifesti non lesinando energie ed impegno;
- la mia Amministrazione, norme e patto di stabilità permettendo continuerà a non lesinare investimenti a sostegno e per il potenziamento delle azioni di sicurezza possibile, tanto nel centro storico quanto a valle ed in tutto il territorio comunale;
- nelle more che si faccia chiarezza sulle reali capacità/sicurezza gestionale, sospendiamo ogni rapporto con la ditta Euronet, continuando ad invitare Poste Italiane al potenziamento del locale bancomat e insistendo nel mercato bancario per l'affidamento del servizio di tesoreria comunale con remoto bancomat intelligente in Erice centro storico anche presso locali comunali.


Allegata deliberazione di Giunta n°163 del 15/7/2015

Allegati:
FileDimensione del FileCreatoModificato il
Scarica questo file (dlg_Delibera_15-07-2015_servizi bancomat.doc)dlg_Delibera_15-07-2015_servizi bancomat.doc69 kB20-05-2016 12:1620-05-2016 12:16

Utilizziamo i cookies per migliorare l'esperienza d'uso del nostro sito web. Continuando la navigazione accetti la nostra informativa sui cookies. Per saperne di piu'

Ok

Utilizziamo i cookies per migliorare l'esperienza d'uso del nostro sito web. Continuando la navigazione accetti la nostra informativa sui cookies.