EricèNatale 2022 - tutte le notizie e i comunicati stampa

Ultima modifica 12 gennaio 2023

2022-23_35x50-01


 

WhatsApp Image 2022-12-08 at 11.38.41

WhatsApp Image 2022-12-08 at 11.38.43

 

WhatsApp Image 2022-12-08 at 11.38.45

850b6ccf-fa85-4914-996b-2eaf5099c74b

25cacf94-7934-4282-ba4a-af248067c715

 


Zampogna_35x50_2022-01

318531088_5726532970795229_4524236752212671827_n


 

Comunicato del 04/12/2022 - Conferenza stampa di presentazione di EricèNatale - Il borgo dei presepi

 
 

Mercoledì 7 dicembre, alle ore 10.00, nella Sala Conferenze della Biblioteca Comunale “Vito Carvini”, in Piazza della Loggia, a Erice sarà presentato il programma di “EricèNatale – Il borgo dei presepi”, un appuntamento annuale ormai consolidato e sempre ricco di eventi. 
Dall’8 dicembre all’8 gennaio un'atmosfera natalizia unica ed inimitabile. 
Interverranno Daniela Toscano, sindaca del Comune di Erice, Rossella Cosentino, assessora al Turismo e agli Eventi del Comune di Erice, Salvatore Denaro, dirigente del Settore Cultura del Comune di Erice, Nicola Adragna, presidente della Fondazione Erice Arte. Parteciperanno associazioni, organizzazioni, scuole, enti che hanno aderito a EricèNatale.

EricèNatale - Il borgo dei presepi è organizzato dal Comune di Erice e dalla Fondazione Erice Arte con il sostegno de I Borghi più belli d’Italia e la Funierice, in collaborazione con l’ Assessorato al Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana,  il Distretto Turistico della Sicilia Occidentale, la Proloco di Erice, l'Associazione Salvare Erice, la Cooperativa Kleos , la Fondazione Ettore Majorana e Centro di Cultura Scientifica, la Montagna del Signore, l’Associazione “Amici della Musica” di Trapani, l’Associazione “Amici della Musica” di Palermo, l’Associazione Nerd Attack, l'Associazione Salvare Erice, l’Istituto d’Istruzione superiore “Ignazio e Vincenzo Florio”, l’Istituto Tecnico Turistico “Sciascia e Bufalino”. I mercatini di Natale e la casetta di Babbo Natale sono a cura dell’Associazione “Il Bajuolo" di Erice.


Comunicato del 07/12/2022 - Torna EricèNatale - Il borgo dei presepi, dall'8 dicembre all'8 gennaio

Si è svolta questa mattina, nella Sala Conferenze della Biblioteca Comunale “Vito Carvini”, a Erice, la conferenza stampa di presentazione di "EricèNatale - Il borgo dei presepi". Sono intervenuti: Daniela Toscano, sindaca del Comune di Erice, Nicola Adragna, presidente della Fondazione Erice Arte, Rossella Cosentino, assessora al Turismo e agli Eventi del Comune di Erice, Salvatore Denaro, dirigente del Settore Cultura del Comune di Erice, Giovanni De Santis, direttore artistico del Festival Internazionale della Musica Antica - Associazione Amici della Musica di Trapani, Calogero Moscato, consulente dell’Associazione Amici della Musica di Palermo, Mariza D’Anna, presidente dell’associazione “Salvare Erice”, Pina Mandina, dirigente dell’Istituto di Istruzione Superiore “Ignazio e Vincenzo Florio”, Concetta Mistretta vicepreside dell’Istituto Tecnico Turistico “Sciascia e Bufalino”, Erick Cannamela, presidente dell’associazione “Nerd Attack”.
E così, Erice, dall'8 dicembre all'8 gennaio, si veste letteralmente del Natale, esponendo presepi grandi e piccoli nei suoi angoli più suggestivi. Un porticato, un anfratto, il davanzale di una finestra con le vecchie inferriate, un antico portone, si trasformano in sfondi, ogni volta diversi, per ospitare i presepi, che sono realizzati da tutta la popolazione, coinvolta da sempre nell’evento e pronta a collaborare con il proprio estro artistico. I visitatori vanno alla scoperta di molti presepi, lungo un percorso che si snoda fra vicoli e piazzette.
Giovedì 8 dicembre, alle ore 11.00, l’inaugurazione dei Mercatini di Natale e dalle ore 17.00, la centrale Piazza della Loggia si anima con l'accensione dell’albero di Natale e delle luminarie.
Durante le giornate della manifestazione saranno presenti, tra le vie del borgo, dal 10 all’11 dicembre gli zampognari con la loro musica itinerante con la rassegna “Zampogne dal mondo".
Dal 14 al 30 dicembre la musica antica riecheggerà con la XXVI edizione del Festival Internazionale di Musica Antica, con oltre 18 appuntamenti: concerti con solisti e ensemble di livello nazionale ed internazionale, nelle chiese di San Martino, San Giovanni e in altri luoghi caratteristici e suggestivi del borgo medievale, incontri e conferenze incentrate sulla musica antica e una masterclass dal titolo “Balli e danze sociali nel Rinascimento italiano”, tenute da alcuni degli artisti in cartellone. Non una semplice rassegna di musica antica ma una vera e propria attività di animazione urbana. All’interno del festival, una rassegna collaterale:“Chiacchiere, musica, poesia e ippocrasso...", che si articolerà in sei piccoli spettacoli tematici, legati alle epoche medievale, rinascimentale e barocca, associati a degustazioni di prodotti della pasticceria dei periodi storici di riferimento per ciascuno spettacolo.
 
Nella cornice d’eccezione del borgo, in cui vivere l’atmosfera magica del Natalei piccoli potranno incontrare Babbo Natale nella sua Casetta. Ritorna anche il caratteristico mercatino natalizio, tra sapori e idee regalo darà vita ad un’atmosfera da sogno che saprà incantare grandi e piccini in Piazza della Loggia e in Piazza San Giuliano.
 
Uno dei borghi più belli d’Italia, uno degli eventi natalizi più suggestivi, 30 giorni di calore e sorprese, EricèNatale, quest’anno avrà tante altre novità.  
 
Debutta per il primo anno l’Erice Xmas Tech. Il Teatro Gebel Hamed, nel cuore del centro storico di Erice, si trasforma in una sala multimediale dedicata ai giovani e alla tecnologia con la possibilità di provare giochi di ruolo e da tavolo, la realtà virtuale e quella aumentata.
La natura di questo ambizioso progetto unisce in sé aspetti culturali, artistici, divulgativi e di intrattenimento intelligente.
 
Tanti i concerti, gli appuntamenti con i libri a EricèNatale: il “Gospel Project”“U Cuntu di Orlando” con Salvo Piparo e Michele Piccione, e lo spettacolo “A Soulful Christmas” con Daria Biancardi. Ed ancora la presentazione del libro dell’onorevole Dino Grammatico “La Biblioteca comunale di Erice”, uno show pop - rock a cura di “Bassless” e lo spettacolo di Epifania Quintetto Sheherazade. La performance tratta dal libro “Albume di Famiglia” di Piera, Claudia e Alessandro Campo darà spazio anche al teatro.
 
Il 31 dicembre Erice saluterà la fine del 2022 e l’inizio del 2023 con un veglione di Capodanno ricco di musica e divertimento. A partire dalle 23.30 in Piazza della Loggia, giochi pirotecnici, brindisi, live music con gli Ottoni animati e Dance music con DJ S. Anguzza.
 
Spazio alle mostre al Polo Museale “A. Cordici” con “I pupi siciliani nelle realizzazioni di Angelo Pace” e “Il Vittoriale a Erice. D’Annunzio, de Chirico, Sciltian”. I pupi siciliani saranno i protagonisti di EricèNatale, espressione più pura e straordinariamente più rappresentativa della cultura siciliana.
 
Ed ancora il focus culturale tematico con la proiezione del docufilm “I racconti della pietra” di Francesco Siro Brigiano e Nicola Augugliaro: un avvincente racconto sui risultati di 12 anni di scavi archeologici al Castello di Venere e alle Mura Elimo Puniche di Erice.
 
EricèNatale si coniuga anche lo sport e la solidarietà con la Christmas Running to Erice, una corsa non competitiva, che oltre a riunire tutto il movimento podistico della provincia di Trapani in uno dei percorsi più suggestivi e dalla bellezza unica, vuole contribuire alla raccolta alimentare di prodotti di prima necessità per i più bisognosi.

Importante quest’anno la partecipazione di due istituti scolastici: l’Istituto di Istruzione Superiore “Ignazio e Vincenzo Florio” con i suoi due indirizzi, Professionale Alberghiero e Liceo della Comunicazione e della Cultura Enogastronomica, che cura le cene musicali del Festival Internazionale della Musica Antica e partecipa con un presepe sul tema della guerra, e l’Istituto Tecnico Turistico “Sciascia e Bufalino” che partecipa anch’esso con la realizzazione di due presepi sul tema dell’ambiente.
 
EricèNatale conferma la formula vincente degli anni precedenti, con i mercatini natalizi con prodotti artigianali, artistici ed enogastronomici con le casette in legno.
Un fantastico albero di Natale con splendide luci accoglierà in piazza i visitatori e sarà il punto di riferimento per tutti.
 
EricèNatale è fatto di eventi, attrazioni, musica, cultura, sport, monumenti illuminati, i Mercatini di Natale. Sarà possibile vivere la magia, l'incanto ed il fascino dell'atmosfera natalizia. Tutto questo abbiamo cercato di condensare nel programma 2022 di EricéNatale, che ormai da diversi anni è un solido pilastro delle nostre festività. Un ricco programma, sobrio ed elegante, impreziosito da momenti di cultura che in un luogo affascinante come Erice non possono e non devono mai mancare”- queste le parole di Daniela Toscano, sindaca di Erice.
 
Sarà un Natale festoso quello di quest'anno a Erice. All'insegna della collaborazione e della condivisione, tante le associazioni e gli enti che hanno unito le forze per promuovere, valorizzare e incorniciare anche questa edizione di "EricèNatale - Il borgo dei presepi". La sinergia tra le diverse realtà e il lavoro di squadra nasce dalla comune convinzione che il Natale a Erice rappresenta un autentico motore.  Ringraziamo tutte le associazioni che ancora una volta si sono prodigate per la riuscita della migliore proposta possibile da offrire a cittadini e visitatori attraverso le numerose iniziative di intrattenimento natalizio” così ha continuato Rossella Cosentino, assessora al Turismo e agli Eventi del Comune di Erice.


Comunicato del 10/12/2022 - Zampogne dal Mondo, la rassegna internazionale di musiche e strumenti popolari

Zampogne dal Mondo è uno degli appuntamenti più importanti di Erice nel panorama della musica popolare.
Primo appuntamento con “Zampogne dal Mondo”, questa mattina ad Erice con la cerimonia ufficiale di apertura, che si è svolta nella Sala Conferenze della Biblioteca Comunale “Vito Carvini”, a Erice.
La rassegna internazionale di musiche e tradizioni popolari, giunta quest’anno alla settima edizione, è inserita nel programma di “EricèNatale – Il borgo dei presepi”.
Erice, fino a domenica, si trasformerà in un luogo privilegiato di incontro di zampognari e appassionati. In questa edizione sono cinque i gruppi partecipanti: gli Hum-Drum, dalla Scozia, il Vis "Amanet" Trio, dalla Macedonia e The Bagpipe Folklore Group Briezok che arriveranno dalla Slovacchia. Non mancheranno anche i gruppi italiani: Terra di Mezzo dall’Abruzzo, Fratelli Orlando dalla Sicilia e Valle di Comino dal Lazio.

La mattinata è iniziata avvolta dalla nebbia  in un’atmosfera ricca di fascino e di antiche tradizioni allietato dal suono delle zampogne.

Domenica 11 dicembre, alle 11.00 e alle 15.30, si continua con le esibizioni itineranti degli zampognari e, alle 18.30, nella Chiesa di San Martino, a concludere la rassegna, il concerto “Zampogne, gaite, ciaramella & cornamuse…” che vedrà protagonisti tutti i gruppi. Presenta Vittoria Abbenante.
L’ingresso al concerto è gratuito.

Al via anche i Mercatini di Natale, allestiti quest’anno, sia in Piazza della Loggia che nella Piazzetta San Giuliano, con idee regalo, oggetti di artigianato artistico, tipicità gastronomiche. Nella piazzetta San Giuliano è stata allestita anche la “Casa di Babbo Natale”. Un luogo incantato pieno di sorprese.

Zampogne dal Mondo è organizzato dal Comune di Erice e dalla Fondazione Erice Arte con la direzione artistica del Gruppo Folk Valle di Comino e con la collaborazione dall’Associazione “La Montagna del Signore”.


Comunicato del 12/12/2022 - Si conferma il successo per “Zampogne dal Mondo”

Si è concluso, a Erice, la VII edizione di “Zampogne dal mondo”, la rassegna internazionale di musiche e strumenti popolari organizzata dal Comune di Erice e dalla Fondazione Erice Arte con la direzione artistica del Gruppo Folk Ciociaro "Valle di Comino" e la collaborazione de “La Montagna del Signore”. Come ogni anno, nonostante l’incostanza del clima, esibizioni e concerti con zampognari provenienti da tutto il mondo, una manifestazione che rientra ormai a pieno titolo nelle iniziative previste dal Comune di Erice per il periodo del Natale e si propone come un raffinato suk musicale, un crocevia di suoni. In questi giorni Erice ha visto i suoi spazi, le piazze, le chiese, animarsi grazie a zampognari e suonatori di diversa formazione e provenienzaGli intermezzi musicali si sono svolti in modo spontaneo e hanno visto i diversi gruppi di zampognari alternarsi. Quest’anno  tra gli ospiti giovani suonatori, vincitori di premi e ancora numerose donne che suonano questo antico strumento. Gli zampognari, hanno concluso nell’entusiasmo generale, la manifestazione nella raffinata Chiesa di San Martino. 
Si è svolta una no-stop musicale che ha visto protagonista tanta musica, un folto e partecipe pubblico, un’atmosfera calorosa e attenta. Si è iniziato con gli zampognari provenienti dalla Sicilia. E ancora si è continuato con i gruppi provenienti dalla Slovacchia, dalla Macedonia, dalla Scozia, dall’Abruzzo e dal Lazio. Bravura, precisione, passione, le doti che hanno mostrato nell’eseguire repertori tradizionali dei vari paesi.
Soddisfatte la sindaca del Comune di Erice, Daniela Toscano, e l’assessora al Turismo ed Eventi, Rossella Cosentino, che hanno dato appuntamento al prossimo anno.
Sono stati due giorni stupendi – hanno dichiarato –  Si tratta di una rassegna di alta qualità, cresciuta negli anni e che raccoglie l’interesse di un pubblico sempre più vasto. Una fusione di culture e tradizioni, sonorità antiche e nuove, che hanno rappresentato al meglio il leitmotiv di  Zampogne dal Mondo”.
EricèNatale continua con i prossimi appuntamenti: dal 14 al 30 dicembre, nell’antico borgo ericino, arriva il Festival Internazionale di Musica Antica.
 
Diciotto appuntamenti: concerti con solisti e ensemble di livello nazionale ed internazionale, nelle chiese di San Martino, San Giovanni e una masterclass dal titolo “Balli e danze sociali nel Rinascimento italiano”, tenuta da Liliana Baronio, dell’ensemble “La Rossignol”. All’interno del festival, una rassegna collaterale: “Chiacchiere, musica, poesia e ippocrasso...", che si articolerà in sei piccoli spettacoli tematici, legati alle epoche medievale, rinascimentale e barocca, associati a degustazioni di prodotti della pasticceria dei periodi storici di riferimento per ciascuno spettacolo.
 
Un’edizione che si aprirà mercoledì 14 dicembre, alle ore 19.00, nella Chiesa di San Martino con l’ensemble composto da Theresia Bothe (canto), Ercole Nisini (trombone rinascimentale) e Zita Mikijanska (clavicembalo), un concerto intitolato “Canzoni d’Amore” che vedrà l’arte della diminuzione tra Italia e Germania all’inizio del 1600. Alle ore 20.30, al Palazzo Sales una cena musicale rinascimentale a cura dell'Istituto di Istruzione Superiore "Ignazio e Vincenzo Florio".
 
Il Festival Internazionale di Musica Antica è organizzato dall’associazione Amici della Musica di Trapani, con il contributo del Mic (Ministero della Cultura) e dell’assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione Siciliana, in collaborazione con il Comune di Erice, la Fondazione Erice Arte, l'Istituto di Cultura Italo-Tedesco di Trapani con il Goethe-Institut, l’Istituto di Istruzione Superiore Alberghiero "Ignazio e Vincenzo Florio" di Erice, con i suoi due indirizzi, Professionale Alberghiero e Liceo della Comunicazione e della Cultura Enogastronomica, e Aiam (Associazione Italiana Associazioni Musicali).

Comunicato del 13/12/2022 - Festival Internazionale di Musica Antica, dal 14 al 30 Dicembre

La musica antica sarà protagonista di EricèNatale - Il borgo dei presepi con la XXVI edizione del Festival Internazionale di Musica Antica, che si svolgerà dal 14 al 30 dicembre nell’antico borgo ericino.
 
Diciotto Appuntamenti: concerti con solisti e ensemble di livello nazionale ed internazionale, nelle Chiese di San Martino, San Giovanni e una masterclass dal titolo “Balli e danze sociali nel Rinascimento italiano”, tenuta da Liliana Baronio, dell’ensemble “La Rossignol”.
Il Festival - dichiara Giovanni De Santis, direttore artistico degli Amici della Musica di Trapani - da quest’anno è annoverato tra i festival italiani sostenuti da MiC e rappresenta l’evoluzione della storica Settimana internazionale di musica medievale e rinascimentale, caratterizzandosi per l’incremento della sua durata e per l’arricchimento del suo perimetro musicale, che adesso abbraccia anche il periodo barocco. Inoltre, la programmazione è arricchita da una serie di manifestazioni e attività collaterali che qualificano l’evento, rendendolo a pieno titolo uno dei pilastri dell’offera turistico-culturale non solo del celebre borgo ericino ma anche dell’intera provincia dì Trapani”.
All’interno del festival, una rassegna collaterale: “Chiacchiere, musica, poesia e ippocrasso...", che si articolerà in sei piccoli spettacoli tematici, legati alle epoche medievale, rinascimentale e barocca, associati a degustazioni di prodotti della pasticceria dei periodi storici di riferimento per ciascuno spettacolo.
 
Un’edizione che si aprirà mercoledì 14 dicembre, alle ore 19.00 nella Chiesa di San Martino con l’ensemble composto da Theresia Bothe (canto), Ercole Nisini (trombone rinascimentale) e Zita Mikijanska (clavicembalo), un concerto intitolato “Canzoni d’Amore” che vedrà l’arte della diminuzione tra Italia e Germania all’inizio del 1600. Alle ore 20.30, al Palazzo Sales una cena musicale rinascimentale a cura dell'Istituto di Istruzione Superiore "Ignazio e Vincenzo Florio".
Si continua venerdì 16 dicembre, alle ore 19.00, nella Chiesa di San Martino, con “Le sonate per viola da gamba e clavicembalo di J. S. Bach” eseguite da Marco Lo Cicero (viola da gamba) e Basilio Timpanaro (clavicembalo).
 
Lunedì 19 dicembre, alle ore 17.00, al Polo Museale “A. Cordici”, invece, sarà la volta dello spettacolo “A la stagion che ‘l mondo foglia e fiora…”, rime di donne del Duecento: è il primo appuntamento di “Chiacchiere, musica, poesia e ippocrasso…”. Ideazione e regia di Betty Lo Sciuto, scenografia di Danilo Coppola. Sul palco Lidia Miceli (voce recitante) e Theresia Bothe (canto e liuto). Si prosegue, alle ore 19.00, presso la Chiesa di San Martino, con l’esibizione di Elisabetta Guglielmin (clavicembalo) in "Laissez place à la reine", il respiro musicale di Elisabeth Jacquet de La Guerre.
 
Con Alessandro Palmeri (violoncello barocco) e Claudio Astronio (clavicembalo) si entrerà nel mondo di Alessandro Scarlatti, Francesco Paolo Scipriani, Bernardo Storace, Giulio Ruvo e Giambattista Pergolesi con “Le tre Sicilie”: l’appuntamento è per martedì 20 dicembre, ore 19.00, nella Chiesa di San Martino. Alle ore 20.30, al Palazzo Sales la cena musicale barocca, a cura dell'Istituto d’Istruzione Superiore "Ignazio e Vincenzo Florio".
 
Chi deciderà di fare una capatina a Erice, sia egli “addetto ai lavori” o semplice appassionato di musica, potrà godere un fascinoso ristoro musicale e scoprire un repertorio, purtroppo non molto eseguito in Italia.
 
Mercoledì 21 dicembre, alle ore 17.00, al Polo Museale “A. Cordici”, un altro appuntamento di “Chiacchiere, musica, poesia e ippocrasso…” con Lidia Miceli (attrice) e Theresia Bothe (canto e liuto) andranno in scena con “Amore è un desio che vien dal core…”, versi e musiche alla corte di Federico II e venerdì 23 dicembre, alle ore 12.00,  metteranno in scena “Quant’è bella giovinezza… II”, salotti e diletti del Rinascimento italiano. Regia di Betty Lo Sciuto, scenografia di Danilo Coppola. Alle ore 19.30, nella Chiesa di San Martino, su il sipario con il Sìbaró Ensemble. In scena Theresia Bothe (soprano), Angelo Litrico (chalumeau), Sunah Choi (violoncello) e Rosaria Politi (clavicembalo).
 
La rassegna non si ferma neanche a Santo Stefano: l’Arianna Art Ensemble si esibirà, alle 19.00, con “Le terre di Ulisse - Voci del Mediterraneo” con Debora Troia (voce), Mario Crispi (strumenti a fiato etnici), Paolo Rigano (chitarra barocca), Silvio Natoli (colascione, bouzouki, oud), Cinzia Guarino (clavicembalo) e Giuseppe Valguarnera (percussioni). Musiche della tradizione sefardita, greca, armena, araba, mediterranea.
 
Martedì 27 dicembre, nella Chiesa di San Martino, alle 19.00,  invece, si svolgerà il concerto “Laudate Dominum”, canti e musiche sacre del tardo Rinascimento. In scena La Rossignol con Elena Bertuzzi (soprano), Roberto Quintarelli (contralto), Levi Alghisi (flauti diritti, cornamusa), Erica Scherl (viella), Francesco Zuvadelli (organo positivo, ghironda).
 
Giornata piena il 28 dicembre con due appuntamenti: il primo spettacolo, alle 12.00, al Polo Museale “A. Cordici”, è “Voi, che per li occhi mi passaste al core… – Il Dolce Stil Novo” per “Chiacchiere, musica, poesia e ippocrasso…”. Regia di Betty Lo Sciuto, scenografia di Danilo Coppola. Sul palco Dario Garofalo (attore), Theresia Bothe (canto) e Raimondo Mantione (liuto). Alle 19.00, nella Chiesa di San Martino, invece, tornano La Rossignol con “Ecce novum gaudium”. Pastorali e antichi canti per il Natale dei poveri e dei re.
 
Nella magica cornice della Chiesa di San Giovanni, giovedì 29 e venerdì 30 dicembre, alle 10.00 si svolgerà la masterclass sulla danza del primo e del tardo Rinascimento italiano a cura di Liliana Baronio, destinata sia a professionisti che a semplici cultori.
 
Giovedì 29 dicembre, alle 17.30, al Polo Museale “A. Cordici” per “Chiacchiere, musica, poesia e ippocrasso…” si svolgerà “Tanto gentile e tanto onesta pare – Dante e il suo tempo” con Dario Garofalo (attore), Theresia Bothe (canto) e Raimondo Mantione (liuto). Regia di Betty Lo Sciuto, scenografia di Danilo Coppola. Infine, alle ore 19.00, torna al Festival Internazionale di Musica Antica, La Rossignol con Liliana Baronio e Elena Gansi (danza), Roberto Quintarelli (contraltista, danza), Elena Bertuzzi (soprano), Erica Scherl (viella), Levi Alghisi (flauti diritti, cornamuse), Lucio Testi (bombarde, ciaramelli), Francesco Zuvadelli (organo positivo, ghironda) con un concerto dal titolo “Dolce amoroso focho”, arie e danze cortigiane nel primo Rinascimento italiano. L’evento si svolgerà alla chiesa di San Giovanni.
 
Venerdì 30 dicembre, invece, alle 17.00, al Polo Museale “A. Cordici”, ultimo appuntamento per “Chiacchiere, musica, poesia e ippocrasso…”: “Sì come chiarissima fama quasi per tutto il mondo suona…”, novelle popolari del Trecento. In scena Dario Garofalo (attore), Theresia Bothe (canto) e Raimondo Mantione (liuto).
 
Chiude l’intensa programmazione del Festival lo spettacolo “Le gratie d'amore”, arie e danze nelle corti del tardo Rinascimento italiano con La Rossignol con Liliana Baronio e Erika Gansi (danza), Roberto Quintarelli (contraltista e danza); Elena Bertuzzi (soprano), Erica Scherl (viella), Levi Alghisi (fautidirit, cornamuse), Lucio Testi (bombarde, ciaramelli) e Francesco Zuvadelli (organo positivo, ghironda). L’appuntamento è alle 19.00 alla Chiesa di Giovanni.
 
Il Festival presenta un ricco calendario di eventi, con la musica antica che entra in dialogo creativo anche con la modernità nel concerto.
 
L’ingresso è a pagamento. Per informazioni e biglietti sul Festival Internazionale di Musica Antica visitare il sito www.amicidellamusicatrapani.it.   
 
Il Festival Internazionale di Musica Antica è organizzato dall’associazione Amici della Musica di Trapani, con il contributo del Mic (Ministero della Cultura) e dell’assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo della Regione Siciliana, in collaborazione con il Comune di Erice, la Fondazione Erice Arte, l'Istituto di Cultura Italo-Tedesco di Trapani con il Goethe-Institut, l'Aiam (Associazione Italiana Associazioni Musicali) e l’Istituto di Istruzione Superiore "Ignazio e Vincenzo Florio" di Erice, con i suoi due indirizzi, Professionale Alberghiero e Liceo della Comunicazione e della Cultura Enogastronomica.

Abbonamenti
Abbonamento per 16 eventi [Concerti + "Chiacchiere, musica..."]: € 32,00
Abbonamento per 10 Concerti: € 22,00
Biglietti
• Concerti: Intero € 6,00 | Ridotto* € 4,00
• "Chiacchiere, musica...": Intero € 5,00 | Ridotto* € 3,00
*Abbonati Stagione AdM + Ragazzi fino a 18 anni
 
Cene musicali del 14 e del 20 dicembre: € 25,00
• Per chi è in possesso di titolo d'ingresso al Concerto, € 12,00.
I posti sono limitati, verrà data priorità agli abbonati e ai possessori di biglietto per la manifestazione pomeridiana.
 
Masterclass Danze rinascimentali
• Quote d'iscrizione: Intera € 40,00 | Ridotta € 25,00 (Allievi Scuole di danza)
Modalità d’acquisto
• On line su www.amicidellamusicatrapani.it (American Express, Maestro, MasterCard, Visa, Discover, Carta Aurea, PayPal)
• Prenotazione con acquisto al botteghino sul luogo dello spettacolo entro mezz’ora prima dell’inizio.
Per informazioni e prenotazioni, inviare messaggio su WhatsApp al +39 3761380272.
 

Comunicato del 16/12/2022 - Il sindaco di Erice, Daniela Toscano, spiega perché l'amministrazione ha dovuto rinunciare alle luminarie a valle

«Ho già spiegato ma voglio sottolinearlo nuovamente: purtroppo, quest'anno, non è stato possibile, con nostro grande dispiacere, poter allestire le luminarie e gli addobbi per abbellire e dare il senso del Natale a valle. Questo ha creato polemiche e molto disappunto tra i cittadini. Gli allestimenti natalizi sul Borgo sono stati realizzati grazie a un finanziamento che riceviamo ogni anno dalla Regione Siciliana perché Erice fa parte dei “Borghi più Belli d'Italia e di Sicilia”, un finanziamento ad hoc».

Così la sindaca di Erice, Daniela Toscano, spiega il perché non siano state montate le luminarie a valle.

«I fondi ricevuti possono essere utilizzati solo per promuovere le iniziative per l’abbellimento dei Borghi, e quindi nel nostro caso del centro storico. Siamo una comunità e, purtroppo i problemi sono noti: abbiamo avuto una spesa extra di 1 milione di euro per il “caro-energia”. Avevamo stanziato dei fondi - aggiunge la sindaca di Erice Daniela Toscano - ma è stato necessario dirottarli in questa spesa. Voglio, infine, sottolineare che il nostro è un Comune solido. Abbiamo, infatti, approvato il bilancio consuntivo e siamo tra i pochi comuni siciliani e ciò eviterà la paralisi amministrativa. Ci accingiamo ad approvare il bilancio e il consolidato, strumenti fondamentali per l’attività politico amministrativa e per la vita della comunità. Da un lato, ovviamente, sono dispiaciuta per la mancanza di luminarie a valle, dall’altro, sono consapevole che recupereremo l’anno prossimo».

link all'intervista video: clicca qui


Comunicato del 19/12/2022 - EricèNatale: il borgo medievale spalanca le porte al Natale

In uno dei borghi più belli di Sicilia la musica e la cultura tornano a riecheggiare. EricèNatale accoglie un carnet di concerti di qualità caratterizzato da proposte di altissimo livello. Un modo per sottolineare lo spirito natalizio e trascorrere un momento unico ed indimenticabile nel periodo più suggestivo dell’anno è sicuramente quello di assistere ad un concerto Gospel.
Ieri sera la Chiesa di San Martino, a Erice,  è stata palcoscenico per il concerto del Coro Gospel Project, diretto dal maestro Pietro Marchese. Un’ atmosfera che ha coinvolto e rapito il folto pubblico in un viaggio nel tempo, tra spiritual e Gospel. 

Al Teatro Gebel Hamed, si è svolta una performance artistica dal titolo "Albume in famiglia" tratta dall'omonimo libro "Albume di famiglia" di Piera, Claudia e Alessandro Campo. Un viaggio tra riti, tradizioni e personaggi del nostro passato.
 
Ed ancora la musica in filodiffusione, il profumo dei cibi della tradizione, il calore di quell’atmosfera così genuina e sincera, che riporta un po’ indietro nel tempo. E poi le luci, i colori. Il tutto, racchiuso nella cornice di una splendida giornata di sole, ad illuminare l’antico borgo medievale, le sue case, i vicoli, i cortili.
Anche questo weekend decreta il successo di EricèNatale che è stato preso d’assalto oltre ogni più rosea aspettativa dai visitatori, nonostante la finale dei Mondiali in Qatar.

Gli appuntamenti degli Amici della Musica di Trapani con il Festival Internazionale di Musica Antica.

Con Alessandro Palmeri (violoncello barocco) e Claudio Astronio (clavicembalo) si entrerà nel mondo di Alessandro Scarlatti, Francesco Paolo Scipriani, Bernardo Storace, Giulio Ruvo e Giambattista Pergolesi con “Le tre Sicilie”: L’appuntamento è per martedì 20 dicembre, ore 19.00, nella Chiesa di San Martino. Alle ore 20.30, al Palazzo Sales la cena musicale barocca preparata dai docenti e dagli studenti dell'Istituto d’Istruzione Superiore "Ignazio e Vincenzo Florio".

L’ingresso è a pagamento. Per informazioni consultare il sito www.amicidellamusicatrapani.it


Interviste a: 
Daniela Toscano, sindaca del Comune di Erice 
Pietro Marchese, direttore del Coro Gospel Project

I MERCATINI DI NATALE

a cura dell’Ass. Il Bajuolo di Erice
Piazza ella Loggia/Piazzetta San Giuliano
Calendario e orari di apertura:
19/20/21/22 dicembre ore 16.00 - 20.00
23 dicembre ore 11.00 - 20.00
24 dicembre ore 11.00 - 19.00
25 dicembre ore 16.00 - 20.00
26/27/28/29/30 dicembre ore 11.00 - 20.00
31 dicembre ore 11.00 - 19.00 / 23.30 - 00.30 (solo piazza della Loggia)
1/2/3/4/5 gennaio ore 16.00 - 20.00
6/7/8 gennaio ore 11.00 - 20.00
 

LA CASETTA DI BABBO NATALE 

a cura dell’Ass. Il Bajuolo di Erice
Piazzetta San Giuliano
Calendario e orari di apertura:
dal 21 dicembre all’1 gennaio ore 16:00 – 20:00
24 dicembre ore 16:00 - 19:00
6 gennaio ore 16:00 – 20:00
 

Orari Funierice

Lunedì 19 Dicembre
ore 13.00 - 22.00
Martedì 20 Dicembre
ore 8.30 - 23.00
Mercoledì 21 e giovedì 22 Dicembre
ore 8.30 a 2.00
Venerdì
ore 8.30 22.00
Sabato 24 e domenica 25 Dicembre
ore 9.30 - 21.00


Comunicato del 21/12/2022 - EricèNatale, il weekend della musica antica e dei pupi siciliani raccontati dal cuntastorie per eccellenza Salvo Piparo

Venerdì 23 dicembre, alle ore 12.00, gli Amici della Musica di Trapani metteranno in scena “Quant’è bella giovinezza… II”, salotti e diletti del Rinascimento italiano con la regia di Betty Lo Sciuto e la scenografia di Danilo Coppola. 
Alle ore 19.30, nella Chiesa di San Martino, si alzerà il sipario con il SìBarÓ Ensemble: Theresia Bothe, soprano, Alice Antichi, soprano, Angelo Litrico, chalumeau, Anna Spoto, traversiere, Mario Licciardello, fagotto, Rosaria Politi, clavicembalo. L’ensemble SìBarÓ nasce dall’incontro di musicisti formatisi in importanti centri di musica antica, uniti dal comune interesse a una più attenta lettura del repertorio musicale appartenente alla tradizione colta.
Ricerca timbrica, interrogativi sull’estetica, tra Seicento e Settecento rappresentano lo spunto di partenza di questo progetto. SìBarÓ propone un repertorio che spazia dal tardo barocco allo stile galante, promuovendo l’utilizzo di strumenti originali dell’epoca.

Sempre nella stessa giornata, alle ore 17.30, nella sala mostre temporanee del Polo Museale “A. Cordici”
sarà inaugurata una mostra sui pupi siciliani dell’artigiano siciliano Angelo Pace. 10 Pupi siciliani in esposizione tratti dalla letteratura epico-cavalleresca di epoca medievale, come le vicende dei paladini di Francia dell’"Orlando Furioso" di Ludovico Ariosto. Gusto e ricercatezza nei materiali utilizzati, come l’ottone, il rame rosso, il velluto, i nastri dorati, i bottoni gioiello. 
Nel 2001, anche l’Unesco ha proclamato l’Opera dei Pupi un patrimonio orale e immateriale dell’umanità, inserendola in tale lista nel 2008 e riconoscendola così come un capolavoro da preservare. 
La serata ricca di emozioni e suggestioni siciliane  continua con "U Cuntu di Orlando" con Salvo Piparo e Michele Piccione, alle ore 18.00, al Teatro Gebel Hamed, a cura degli Amici della Musica di Palermo. “U Cuntu di Orlando” per bocca di Piparo è un intruglio di poetica di strada e tradizioni, ritmi incalzanti e passionali, canzoncine sbiadite di una Sicilia in bianco e nero. Una performance legata alla tradizione popolare, ai pupi siciliani. In scena un cuntastorie, Salvo Piparo, accompagnato dalle musiche, eseguite dal vivo, di Michele Piccione, per raccontare le gesta dei primi paladini di Francia, Orlando e Rinaldo.

Comunicato del 27/12/2022 - Appuntamento con la cultura ad EricèNatale

A EricèNatale è tempo di cultura con l’associazione “Salvare Erice”. Mercoledì 28 dicembre, alle ore 17.30, negli spazi della Biblioteca Comunale Vito Carvinila presentazione della ristampa della tesi di laurea di Dino Grammatico dal titolo ”La Biblioteca Comunale di Erice”. Un progetto fortemente voluto dall'Istituto Siciliano di Studi Politici ed Economici e dal Centro Studi Dino Grammatico. Il racconto di un legame viscerale tra Dino Grammatico e la città di Erice, un focus sulla storica biblioteca comunale ed in particolare i suoi incunaboli. Alcuni dei quali unici nel loro genere e riscoperti proprio in occasione dell’approfondimento per la tesi. Questo attaccamento ad un territorio che, sotto la veste poetica, gli farà prendere il nom de plume di Dino D’Erice, con il quale in più testi descriverà Erice ed il suo circondario. 
Giornata piena il 28 dicembre, con due appuntamenti del Festival Internazionale di Musica Antica a cura degli Amici della Musica di Trapani. Il primo spettacolo, alle 12.00, al Polo Museale “A. Cordici”, è “Voi, che per li occhi mi passaste al core… – Il Dolce Stil Novo” per “Chiacchiere, musica, poesia e ippocrasso…”. Regia di Betty Lo Sciuto, scenografia di Danilo Coppola. Sul palco Dario Garofalo (attore), Theresia Bothe (canto) e Raimondo Mantione (liuto). Alle 19.00, nella Chiesa di San Martino, va in scena La Rossignol, importante compagnia di musica e danza antica che svolge un'intensa attività artistica in tutto il mondo con concerti e spettacoli in teatri, festival e rassegne di grande prestigio. “Ecce novum gaudium”, pastorali e antichi canti per il Natale dei poveri e dei re. 
 
Giovedì 29 dicembre, alle 17.30, al Polo Museale “A. Cordici” per “Chiacchiere, musica, poesia e ippocrasso…” si svolgerà “Tanto gentile e tanto onesta pare – Dante e il suo tempo”, con Dario Garofalo (attore), Theresia Bothe (canto) e Raimondo Mantione (liuto). Regia di Betty Lo Sciuto, scenografia di Danilo Coppola. Infine, alle ore 19.00, torna al Festival Internazionale di Musica Antica, La Rossignol, con Liliana Baronio e Elena Gansi (danza), Roberto Quintarelli (contraltista, danza), Elena Bertuzzi (soprano), Erica Scherl (viella), Levi Alghisi (flauti diritti, cornamusa), Lucio Testi (bombarde, ciaramelli), Francesco Zuvadelli (organo positivo, ghironda) con un concerto dal titolo “Dolce amoroso focho”arie e danze cortigiane nel primo Rinascimento italiano. L’evento si svolgerà nella Chiesa di San Giovanni, a Erice.
Venerdì 30 dicembre, invece, alle 17.00, al Polo Museale “A. Cordici”, ultimo appuntamento per “Chiacchiere, musica, poesia e ippocrasso…”: “Sì come chiarissima fama quasi per tutto il mondo suona…”, novelle popolari del Trecento. In scena Dario Garofalo (attore), Theresia Bothe (canto) e Raimondo Mantione (liuto).
Chiude l’intensa programmazione del Festival Internazionale di Musica Antica lo spettacolo “Le gratie d’amore”, arie e danze nelle corti del tardo Rinascimento italiano con La Rossignol con Liliana Baronio e Erika Gansi (danza), Roberto Quintarelli (contraltista e danza), Elena Bertuzzi (soprano), Erica Scherl (viella), Levi Alghisi (fautidirit, cornamuse), Lucio Testi (bombarde, ciaramelli) e Francesco Zuvadelli (organo positivo, ghironda). L’appuntamento è alle 19.00 nella Chiesa di Giovanni, a Erice.

Nell’ambito del Festival Internazionale di Musica Antica, nella Chiesa di San Giovanni, giovedì 29 e venerdì 30 dicembre, alle 10.00 si svolgerà la masterclass sulla danza del Rinascimento italiano dal titolo “Il ballar Gioioso - Balli e danze sociali nel Rinascimento itliano” a cura di Liliana Baronio de La Rossignol, destinata sia a professionisti che a semplici cultori.
Per info e prenotazioni visitare il sito www.amicidellamusicatrapani.it.

 


Comunicato del 27/12/2022 - Erice saluta il nuovo anno con una grande festa al borgo e un forte messaggio di pace

Per tutte le festività natalizie Erice ha offerto un cartellone di eventi e momenti da non perdere.
A partire dalle 19.00 del 31 dicembre fino a tarda serata sarà possibile ammirare  una suggestiva installazione artisticafirmata da Nicola Augugliaro, negli spazi dell’Istituto Blackett-San Domenico della Fondazione Ettore Majorana e del Centro di Cultura Scientifica di Erice, fondata nel 1963 dal fisico Antonino Zichichi, e da allora frequentata da Nobel e scienziati di tutto il mondo. Attraverso pannelli illustrativi, foto d’archivio, pagine di giornali e cimeli, luci, colombe, racconti, musiche sarà ricostruito mezzo secolo di attività della fondazione che, di fatto, ha determinato la rinascita di Erice sotto l’egida della cultura scientifica internazionale. Sarà possibile fare un viaggio nella storia di questo luogo  inteso come “Culla di Pace”.
Qui novantamila scienziati di tutto il mondo hanno sottoscritto il 'manifesto di Erice'. L'appello è stato sottoscritto per la prima volta nel 1982 dal presidente del Centro di Cultura Scientifica “Ettore Majorana”, Antonino Zichichi, insieme a due tra i maggiori esponenti della fisica del XX secolo, Paul Dirac e Piotr Kapitza. Il documento è rivolto ai potenti della Terra per la diffusione di una scienza senza barriere ideologiche, politiche e razziali. Una scienza senza frontiere, né segreti, ma al servizio dell'uomo e della pace. Proprio lo spirito di questo manifesto spinse in quegli anni il capo del governo italiano a proporre Erice come sede dei colloqui di pace tra Israele e Palestina.
Ai visitatori verrà offerto un bicchiere di bollicine di spumante al fine di brindare al nuovo anno e riflettere sulla pace, così fortemente offesa dagli ultimi avvenimenti internazionali. Erice per l’ultimo dell’anno si dice no alla guerra, alle armi, al razzismo, e sì alla pace, alla vita e all’accoglienza dell’altro.
L’evento è organizzato dalla Fondazione Ettore Majorana e dal Centro di Cultura Scientifica di Erice.
La notte di Capodanno, sarà festeggiata con l'attesa della mezzanotte in Piazza della Loggia, nell’ambito delle iniziative di “EricèNatale”, organizzate dal Comune di Erice e dalla Fondazione Erice Arte con il sostegno de I Borghi più belli d’Italia e la Funierice, in collaborazione con associazioni ed enti del territorio.
Con il borgo illuminato a festa con il grande albero di Natale, nella notte più festosa dell’anno, Erice darà il benvenuto al nuovo anno con il ritmo degli Ottoni Animati e la selezione musicale di Alberto Anguzza.
Gli Ottoni Animati sono nati nel 2008 da un’idea di Alessandro Mancuso e Alberto Anguzza. Sono il risultato di una ricerca tra i suoni della tradizione siciliana, prendendo spunto dalle varie dominazioni, e la musica moderna. Ben 11 elementi per un mix sonoro, spontaneo ed esplosivo, che racchiude tradizione bandistica popolare e avanguardia internazionale, per far arrivare la cultura dell’Isola attraverso gli strumenti a fiato, evocando i ricordi delle celebrazioni dei paesi dove, a fare musica è la banda che porta l’amore e la passione dei musicisti tra la gente.
La band, che fa parte dalla Scarlatti Management è formata da Alberto Anguzza (front Man & Music Director), Alessio Spanò (voce), Giovanni Balistreri (sax tenore), Roberto Marceca (tromba), Eugenio Tinnirello (tromba), Giovanni Pensabene (flicorno), Samuele Scalise (corno), Antonio Anguzza (trombone), Francesco Paolo Bianco (tuba), Vito Morello (chitarra), Tommaso Carollo (batteria) e Alfonso Rizzo (percussioni).
Sarà l’occasione per ascoltare il nuovo brano degli Ottoni Animati “Ti giuro non lo faccio più”che richiama fortemente il jazz degli anni d’oro dei grandi saloon e delle più famose scene da gioco dei grandi film.
Gli Ottoni Animati animeranno Piazza della Loggia trasformandola in una discoteca a cielo aperto, con il loro sound inconfondibile. La lunga notte sarà accompagnata dalla selezione musicale di Alberto Anguzza, frontman degli Ottoni Animati.

Comunicato del 30/12/2022 - Erice saluta il nuovo anno con una grande festa al borgo e un forte messaggio di pace

Per tutte le festività natalizie Erice ha offerto un cartellone di eventi e momenti da non perdere.
A partire dalle 19.00 del 31 dicembre fino a tarda serata sarà possibile ammirare  una suggestiva installazione artisticafirmata da Nicola Augugliaro, negli spazi dell’Istituto Blackett-San Domenico della Fondazione Ettore Majorana e del Centro di Cultura Scientifica di Erice, fondata nel 1963 dal fisico Antonino Zichichi, e da allora frequentata da Nobel e scienziati di tutto il mondo. Attraverso pannelli illustrativi, foto d’archivio, pagine di giornali e cimeli, luci, colombe, racconti, musiche sarà ricostruito mezzo secolo di attività della fondazione che, di fatto, ha determinato la rinascita di Erice sotto l’egida della cultura scientifica internazionale. Sarà possibile fare un viaggio nella storia di questo luogo  inteso come “Culla di Pace”.
Qui novantamila scienziati di tutto il mondo hanno sottoscritto il 'manifesto di Erice'. L'appello è stato sottoscritto per la prima volta nel 1982 dal presidente del Centro di Cultura Scientifica “Ettore Majorana”, Antonino Zichichi, insieme a due tra i maggiori esponenti della fisica del XX secolo, Paul Dirac e Piotr Kapitza. Il documento è rivolto ai potenti della Terra per la diffusione di una scienza senza barriere ideologiche, politiche e razziali. Una scienza senza frontiere, né segreti, ma al servizio dell'uomo e della pace. Proprio lo spirito di questo manifesto spinse in quegli anni il capo del governo italiano a proporre Erice come sede dei colloqui di pace tra Israele e Palestina.
Ai visitatori verrà offerto un bicchiere di bollicine di spumante al fine di brindare al nuovo anno e riflettere sulla pace, così fortemente offesa dagli ultimi avvenimenti internazionali. Erice per l’ultimo dell’anno si dice no alla guerra, alle armi, al razzismo, e sì alla pace, alla vita e all’accoglienza dell’altro.
L’evento è organizzato dalla Fondazione Ettore Majorana e dal Centro di Cultura Scientifica di Erice.
La notte di Capodanno, sarà festeggiata con l'attesa della mezzanotte in Piazza della Loggia, nell’ambito delle iniziative di “EricèNatale”, organizzate dal Comune di Erice e dalla Fondazione Erice Arte con il sostegno de I Borghi più belli d’Italia e la Funierice, in collaborazione con associazioni ed enti del territorio.
Con il borgo illuminato a festa con il grande albero di Natale, nella notte più festosa dell’anno, Erice darà il benvenuto al nuovo anno con il ritmo degli Ottoni Animati e la selezione musicale di Alberto Anguzza.
Gli Ottoni Animati sono nati nel 2008 da un’idea di Alessandro Mancuso e Alberto Anguzza. Sono il risultato di una ricerca tra i suoni della tradizione siciliana, prendendo spunto dalle varie dominazioni, e la musica moderna. Ben 11 elementi per un mix sonoro, spontaneo ed esplosivo, che racchiude tradizione bandistica popolare e avanguardia internazionale, per far arrivare la cultura dell’Isola attraverso gli strumenti a fiato, evocando i ricordi delle celebrazioni dei paesi dove, a fare musica è la banda che porta l’amore e la passione dei musicisti tra la gente.
La band, che fa parte dalla Scarlatti Management è formata da Alberto Anguzza (front Man & Music Director), Alessio Spanò (voce), Giovanni Balistreri (sax tenore), Roberto Marceca (tromba), Eugenio Tinnirello (tromba), Giovanni Pensabene (flicorno), Samuele Scalise (corno), Antonio Anguzza (trombone), Francesco Paolo Bianco (tuba), Vito Morello (chitarra), Tommaso Carollo (batteria) e Alfonso Rizzo (percussioni).
Sarà l’occasione per ascoltare il nuovo brano degli Ottoni Animati “Ti giuro non lo faccio più”che richiama fortemente il jazz degli anni d’oro dei grandi saloon e delle più famose scene da gioco dei grandi film.
Gli Ottoni Animati animeranno Piazza della Loggia trasformandola in una discoteca a cielo aperto, con il loro sound inconfondibile. La lunga notte sarà accompagnata dalla selezione musicale di Alberto Anguzza, frontman degli Ottoni Animati.

Comunicato del 02/01/2023 - Da Erice: successo per il Capodanno

L'ultima notte dell'anno a Erice, in Piazza della Loggia, si è colorata di suoni, musica. Ed ancora i linguaggi dell’arte, della musica, della creatività, della storia hanno trovato spazio tra le suggestioni dell’Istituto Blackett-San Domenico, una meraviglia che è successa la notte di Capodanno a Erice.
Una serata all'insegna dell’allegria e del divertimento insieme agli Ottoni Animati per accogliere il nuovo anno. Il concerto, realizzato dal Comune di Erice e dalla Fondazione Erice Arte, ha preso il via alle 23.30 per accogliere insieme a tutta la cittadinanza il 2023, in un clima di festa e spensieratezza con l’allegria che gli Ottoni Animati hanno saputo trasmettere. Si è brindato al nuovo anno insieme alla sindaca di Erice, Daniela Toscano, all’assessora alla Cultura, Turismo ed Eventi, Rossella Cosentino, e tutti gli artisti presenti.
Il mio augurio è che il 2023 possa regalare a tutti voi ciò che desiderate. Trovate serenità, armonia, pace e riflettiamo insieme sull’importanza dei valori positivi che da sempre caratterizzano il nostro Paese, col calore delle tradizioni ed il grande cuore che ci contraddistingue. Facciamolo restando sempre uniti, dialogando e volendo sempre più bene alla nostra Città di cui tutti noi dobbiamo andare orgogliosi.
Con i migliori auguri dell’intera amministrazione comunale. Buon anno a tutti voi” - queste le parole della sindaca Daniela Toscano.
“Un ringraziamento di cuore a tutti coloro i quali hanno scelto Erice per dare il benvenuto, brindare al nuovo anno e hanno deciso di trascorrere questi momenti di gioia e festa, ma in modo particolare sento di ringraziare tutti quelli che in questo periodo si sono spesi, nelle circostanze più diverse, dando il loro contributo nel rendere queste giornate di festività così belle, ricche e speciali. C’è ancora tanto da fare e da migliorare, la strada è lunga ma certamente impegno e voglia di fare non mancheranno, che sia per voi tutti un meraviglioso 2023” così ha continuato Rossella Cosentino, assessora alla Cultura, Turismo ed Eventi del Comune di Erice.
 
“Il San Domenico, culla di pace“, l’installazione artistica a cura di Nicola Augugliaro è andata in scena all’Istituto Blackett-San Domenico della Fondazione Ettore Majorana e Centro di Cultura Scientifica di Erice.  Un luogo di dialogo per scienziati e premi Nobel internazionali dal 1963, che si è trasformato per una sera in un contenitore d’arte e di sapere condiviso con la moltitudine di presenti.
Erice si è voluto “volare alto” ponendo l’attenzione sul tema della pace in una serata particolare come la notte di Capodanno. Questo il messaggio da Erice, nel 2023. L’evento all’Istituto Blackett-San Domenico sarà replicato venerdì 6 e sabato 7 gennaio.

Il 3, 4 e 5 gennaio l’Erice Xmas Tech porterà nel 
borgo i giochi di ruolo e da tavolo, la realtà virtuale e quella aumentata.
L'associazione culturale Nerd Attack, infatti, organizza in collaborazione con il Comune di Erice e la Fondazione Erice Arte, un evento al Teatro Gebel Hamed, nel cuore del centro storico di Erice, che per la prima volta si trasforma in una sala multimediale dedicata ai giovani e alla tecnologia.
 
"Si tratta di una vera e propria scommessa - dichiarano i Nerd Attack -, per la prima volta, infatti, il borgo di Erice ospiterà un evento invernale legato al mondo della tecnologia. La scelta del Teatro Gebel Hamed è strategica, per l'importanza della struttura stessa: fulcro della cultura ericina e siciliana, diventa, per questa volta, un vero e proprio tempio hi-tech. Per noi, già creatori di importanti eventi come il Trapani Comix e l'Erice Fantasy, è un grande vanto poter organizzare qualcosa di simile a Erice. L'obiettivo è abbinare la tradizionalità del borgo alla modernità della realtà virtuale e realtà aumentata senza, però, dimenticare i giochi di ruoli che sono la massima espressione della fantasia. Durante i tre giorni dell'Erice Xmas Tech, inoltre, sarà possibile acquistare l'abbonamento Early Bird scontato per il Trapani Comix che si svolgerà a maggio 2023".
 
Il Teatro sarà diviso idealmente in tre sezioni. Il VR Center sarà il regno della realtà virtuale. L’Hado Arena prevede la creazione di un “campo di battaglia” attraverso la realtà aumentata. Infine, il Board Party prevede la creazione di uno spazio dove sarà possibile, in una grande area, immergersi in gioco da tavolo e di ruolo. L’ingresso nelle aree sarà gratuito, per alcuni giochi verrà richiesto un piccolo contributo. Orario di apertura: dalle 10.00 alle 20.00
Erice Xmas Tech è una iniziativa del calendario degli eventi di "EricèNatale".
 
Oggi, lunedì 2 gennaio, in Piazza della Loggia, alle 17.30, appuntamento con la musica pop e rock per la rassegna "Cortili Narranti", a cura dell'Associazione Salvare Erice. Sul palco i Bassless.

 

Comunicato del 04/01/2023 - Grande attesa per il concerto di Daria Biancardi a EricèNatale

Sabato 7 gennaio, nella Chiesa di San Martino, a Erice, il concerto “A Soulful Christmas” della cantante Daria BiancardiInizio alle ore 18.00, per l’evento  promosso dal Comune di Erice e dalla Fondazione Erice Arte, in collaborazione con gli Amici della Musica di Palermo nell’ambito del cartellone di EricèNatale
Siciliana doc, Daria Biancardi è un’artista interessante e poliedrica. Vincitrice nel 2020 del talent All together now – The Best, condotto da Michelle Hunziker e J-AX su Canale5, Daria Biancardi riparte dalle proprie origini musicali con un nuovo progetto artistico dedicato al Natale.
 
L’artista palermitana, accompagnata dalla sua band, con “A Soulful Christmas” proporrà uno spettacolo che affonda le proprie radici nel blues, matrice fondamentale della musica dell’anima, ma si tinge di soul e gospel, rivisitando brani della tradizione americana e di quella natalizia.
 
L’ingresso è gratuito.

Comunicato del 05/01/2023 - Nel ricco cartellone di “EricèNatale”, per l’Epifania sono in programma una serie di appuntamenti.

 

Venerdì 6 gennaio, alle ore 12.00, nella cornice della Chiesa di San Cataldo, a Erice, si terrà un concerto organizzato dall’Associazione “Salvare Erice”. Cinque giovanissime soliste dell’Orchestra Sheherazade si esibiranno, in formazione cameristica denominata Quintetto Sheherazade, diretto dal M^ Luigi De Vincenzi. 
Giulia Sirhindi al flauto, Alice Anelli all’oboe, Miriam Anselmo al clarinetto, Francesca Accardo al corno, Erika Panfalone al fagotto, proporranno un programma con musiche di Purcell, Mozart, Rossini e altri compositori russi e polacchi. L’ingresso è gratuito. 
L’Orchestra Sheherazade è un’orchestra giovanile composta da allievi ed ex allievi delle scuole ad indirizzo musicale della provincia di Trapani e da studenti del Conservatorio “A. Scontrino” di Trapani.

Per celebrare all'insegna del divertimento e del buonumore l’Epifania, la colorata parata delle Befane a cura dell’Associazione “Il Bajuolo di Erice”. Dalle 16.00 alle 20.00, in giro per il borgo, le simpatiche befane distribuiranno sorprese e dolciumi.

Comunicato del 11/01/2023 - Si spengono le luci di EricèNatale: è tempo di bilanci e nuova programmazione

Sono migliaia i visitatori che hanno partecipato a EricèNatale, l’evento natalizio che ormai da anni fa gioire il piccolo borgo medievale di Erice.
Un’edizione, quella del 2022, in cui vi è stato un chiaro ritorno alla normalità,alla socialità e soprattutto alle atmosfere natalizie del periodo.
È stato un mese intenso, ricco di iniziative che hanno animato Erice per tutto l’arco delle festività. Durante i giorni più vicini al Natale si è registrato un vero boom di visitatori. Oltre 40 eventi, a ingresso libero e a pagamento. Dai mercatini artigianali e enogastronomici ai concerti. L’impegno delle associazioni del territorio, che hanno realizzato attività e eventi di grande qualità partecipati e ben organizzati, è stato davvero fondamentale per la riuscita della rassegna natalizia.      
Più di 20.000 persone hanno preso parte suscitando grande entusiasmo e meraviglia che si sono riversati sulle tantissime condivisioni di video, storie e foto sui social.
EricèNatale si conferma anche per l’edizione 2022 un volano importante per l’economia e per la promozione turistica del territorio.
Un’annata che traccia l’inizio di un percorso, che mette al centro la musica e la cultura - dichiara la sindaca Daniela Toscano. - Il Natale ne è un esempio.
Ringrazio l’Assessora al Turismo, Sport, Eventi del Comune di Erice, Rossella Cosentino, per l’importante lavoro svolto insieme al dirigente del settore Cultura, Toto Denaro conclude la prima cittadina -. Un ringraziamento sincero va a tutte le realtà associative e culturali di Erice e Trapani. Il bilancio del Natale ericino è più che positivo: abbiamo continuato il nostro rapporto di collaborazione con il territorio che genera sempre nuovo valore e partecipazione”
Grande entusiasmo anche da parte dell’Assessora Rossella Cosentino:
Il nostro meraviglioso borgo ha un’anima immensa, ma al suo interno ha un cuore di associazioni che non ha eguali. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a realizzare un evento che ha portato numerosi visitatori a Erice, grazie anche a tutti gli espositori che hanno alzato ancor di più la qualità. Sicuramente tra le maggiori riflessioni c’è la necessità di programmare gli eventi in tempi più adeguati e una volontà di migliorare sempre di più sui dettagli e la ricercatezza”.
A3_programma_EricèNatale_22-1-1
Allegato formato pdf
Scarica