Seguici su
Cerca

17 percettori di Reddito di Cittadinanza impiegati dal Comune nei PUC

Pubblicato il 25 ottobre 2022 • Comune , Sociale

Si comunica che, nell’ambito dei Patti per il lavoro e/o per l’inclusione sociale, 17 percettori di Reddito di cittadinanza, residenti nel territorio comunale, sono stati impiegati dal Comune di Erice nei Progetti Utili alla Collettività (PUC) per almeno 8 ore settimanali.

Il PUC a cui si fa riferimento è quello approvato nel mese di marzo dalla giunta comunale con apposita delibera proposta dal Settore 8° Servizi Sociali. Il progetto è denominato “Mi prendo cura delle strade, piazze, aree verdi” ed è stato predisposto dal 5° Settore – Lavori Pubblici. 

Il progetto che mira a migliorare la vivibilità delle aree verdi urbane del Comune di Erice ed a rendere più accoglienti e ospitali gli spazi, attraverso appunto l’impiego di soggetti che usufruiscono del Reddito di cittadinanza prevede l’inserimento di un numero complessivo di 100 beneficiari – percettori del reddito di cittadinanza.

Al fine di individuare i beneficiari tenuti all’obbligo di inserimento nel PUC, da parte del servizio sociale professionale, sono stati effettuati numerosi colloqui per verificare la situazione familiare e la compatibilità con il progetto nonché le cause di esclusione e di esonero dagli obblighi secondo la normativa vigente.

I 17 percettori del reddito, attualmente impiegati nel PUC, di cui alcuni segnalati dal Centro per l’impiego, al fine di intraprendere un progetto di inclusione hanno sottoscritto il Patto di inclusione.

I costi a carico del Comune, riferiti a 100 percettori del Rdc, ammontano a 11.000 euro e riguardano la formazione base per la sicurezza; l’assicurazione per la responsabilità civile per danni causati a terzi; le visite mediche ai fini della sicurezza sui luoghi di lavoro; piccole attrezzature, vestiario antinfortunistico, presidi di sicurezza e materiali vari.

«Si tratta di una grande opportunità per tutti: per la città, per il miglioramento dei servizi e per i diretti interessati – commentano la sindaca Daniela Toscano e l'assessora alle politiche sociali, Carmela Daidone -. I PUC sono infatti non soltanto un'occasione di integrazione sociale, di educazione al lavoro e di crescita formativa, ma contribuiscono anche allo sviluppo del principio di cittadinanza attiva. Un sentito ringraziamento va agli uffici del settore Servizi Sociali che si sono dedicati al progetto perché dietro a tutto ciò c'è un lungo e complesso lavoro».