Il vicesindaco Mauro scrive al Prefetto. «Necessario tavolo tecnico urgente sull'emergenza erogazione idrica»

Pubblicato il 30 luglio 2020 • Servizi

«Ritengo che sia assolutamente necessario, ineludibile e non procrastinabile un tavolo tecnico che possa costituire un importante momento di confronto sul tema». Sono parole del vicesindaco Gianni Mauro, scritte di concerto con l’assessore Paolo Genco, nella lettera indirizzata al Prefetto di Trapani, dott. Tommaso Ricciardi, per sottolineare «il grave problema dell'erogazione idrica che sta colpendo il territorio ericino».

«Da tempo è in atto una battaglia su più livelli per garantire il sacrosanto diritto dell'acqua ai nostri cittadini, affinché esso sia esercitato nella maniera il più possibile capillare ed uniforme nel tempo - scrive Mauro -. I problemi, comunque, continuano a sommarsi ed a generare gravi disservizi nei confronti dell’intera cittadinanza ericina. Proprio in questi giorni alcune zone del nostro territorio, segnatamente Ballata, Napola, Villa Mokarta e via Argenteria (anche Pizzolungo e contrada Emiliana), risultano danneggiate da una insufficiente dotazione idrica dovuta al periodo di ferie concesso al personale Eas in servizio nel territorio di Erice (già di per sé insufficiente in condizioni di normalità) senza che questo venisse correttamente sostituito. Ritengo si tratti di una situazione estremamente sgradevole dal momento che, proprio in estate, essa genera un’evidente ricaduta sul piano igienico-sanitario».

«Tutto ciò, per di più, si somma ad una palese e documentata riduzione dell’erogazione dell’acqua da parte di Siciliacque non solo verso il territorio di Erice ma anche per una parte di quello di Valderice - prosegue Mauro -. Ciò nonostante il paradossale aumento del fabbisogno connesso proprio alla stagione estiva e alla richiesta di aumento della portata idrica avanzata formalmente da questo Comune. Per cui La invito, Egregio Signor Prefetto, a valutare la convocazione urgente di un tavolo tecnico. Dal canto mio - conclude il vicesindaco - manifesto la piena disponibilità da parte del Comune di Erice ad una collaborazione finalizzata ad individuare soluzioni condivise, risolutive e, soprattutto, tempestive».